Negli ultimi tempi è possibile vedere sempre più spesso dei mezzi di soccorso con delle luci blu fisse accese (ma non lampeggianti) in situazioni di circolazione ordinaria (non in emergenza). Queste luci vengono definite “di crociera”. Si possono usare al di fuori dei servizi delle Forze dell’Ordine?

Luci da crociera in ambulanza: sull’argomento è possibile trovare domande rivolte sia alle autorità che nei siti specializzati. Tutto vogliono avere una risposta chiara e definitiva: le luci di crociera possono essere utilizzate dalle ambulanze? In assenza di indicazioni nel codice della strada, per la disciplina d’uso sembra quasi che si sia lasciato ai singoli enti la decisione se prevederne la predisposizione sui mezzi ed eventuali regole da seguire.

Cosa dice Croce Rossa sulle Luci da crociera?

Ne è esempio il Testo Unico circolazione di Croce Rossa Italiana che all’art. 100 co. 3 autorizza l’utilizzo delle luci da crociera: “Nelle ore notturne e nelle situazioni di servizio ordinarie, che richiedono oggettivamente una maggiore visibilità del veicolo di soccorso…” dove viene specificato – però – che queste luci non parificano il servizio in essere ad uno in stato di emergenza. Ovviamente, CRI (così come ogni altro ente) non può decidere se usare dispositivi non autorizzati.

Cosa dice in merito il Ministero dell’Interno?

Chi è favorevole a tale uso dei dispositivi luminosi, interpreta estensivamente una circolare del Ministero dell’Interno (che non è il Ministero dei Trasporti) del 2001 riguardo alle luci lampeggianti senza l’utilizzo del dispositivo sonoro. Lì veniva indicato che sono ammesse quando il mezzo in questione abbia bisogno di essere ben visibile dall’utenza.

E invece, cosa dice il Ministero dei Trasporti?

Il tema però – come anticipato – non è di competenza del Ministero dell’Interno. Infatti, con una nota del 22/03/2016 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti indicava che, in assenza di divieti nel CDS, non può essere vietato l’utilizzo del solo lampeggiante, ma tale situazione non può verificarsi in stato di emergenza (dove necessariamente devono essere in funzione simultanea i due dispositivi sonoro e luminoso lampeggiante). Il Ministero specificava che non è consentito l’uso della luce “in modalità operativa” da crociera.

Modalità Operativa? Cosa significa?

Tale frase risulta non chiara in quanto la nota tratta il tema dell’utilizzo del dispositivo della luce lampeggiante la cui funzione “operativa” è finalizzata ad una maggiore visibilità del mezzo di soccorso (e che, in assenza della contemporanea sirena, non deroga dalle prescrizioni del CDS). La luce di crociera ovviamente non potrà mai essere utilizzata nel servizio di emergenza, ma il tema in analisi riguarda l’utilizzo delle luci fisse nel corso della circolazione ordinaria.

Quindi, un legale, che parere può dare?

A parere dello scrivente, la nota del MIT non vieta espressamente l’uso della luce di crociera nella circolazione ordinaria. Solo un intervento nel CDS volto ad ammettere (o no) tale condotta da parte dei mezzi di polizia e di soccorso potrà essere chiarificatore per gli operatori e per l’utenza. Sarebbe utile non lasciare spazio interpretativo ai singoli enti. Ci sono due dati oggettivi a favore dell’utilizzo: la mancanza di un reale intervento sanzionatorio da parte delle forze di polizia e l’indubbio beneficio in termini di sicurezza stradale nella circolazione ordinaria.