Si è conclusa a Pisa la seconda edizione delle Olimpiadi di Primo Soccorso della Croce Rossa Italiana, evento di fondamentale importanza per diffondere la cultura del primo soccorso e dell’Emergenza nei giovani ragazzi e nelle giovani ragazze del nostro Paese.

Le squadre, composte da ragazzi e ragazze al quarto anno di liceo e provenienti da tutte le regioni d’Italia si sono confrontate sulla gestione di scenari complessi come un accoltellamento, un terremoto, un incidente in un laboratorio chimico ed un incidente stradale, il tutto sotto l’occhio attento ed esperto di giudici volontari della Croce Rossa.

Dieci gli scenari affrontati dai partecipanti, tutti intervallati da stazioni nelle quali le Volontarie e i Volontari della CRI hanno illustrato loro iniziative come “Effetto terra”, campagna incentrata sull’adozione di comportamenti responsabili volti a contrastare i cambiamenti climatici, “Love Red”, progetto nato per promuovere percorsi di educazione sessuale inclusiva e consapevole, e attività come la Cooperazione Internazionale e il servizio Restoring Family Links, per il ricongiungimento familiare.

“Mi ha colpito il grande entusiasmo con il quale tanti giovani hanno partecipato a questa competizione. La formazione nelle scuole è fondamentale per preparare i ragazzi ad affrontare situazioni critiche, aiutare il prossimo, essere utili alla comunità in situazioni di crisi. La partecipazione di tante scuole ci ha riempiti di orgoglio e ci ha confermato che quella della formazione dei ragazzi nel primo soccorso e nella risposta alle emergenze è una strategia vincente, che proietta nel futuro i valori della Croce Rossa Italiana”, ha affermato Edoardo Italia, Vice Presidente e Rappresentante dei Giovani della Croce Rossa Italiana.

Per il secondo anno consecutivo, delle 20 regioni partecipanti la Sicilia ha conquistato nuovamente il podio nella seconda edizione delle Olimpiadi di Primo Soccorso della Croce Rossa Italiana. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente i team di Marche e Lombardia. Alla squadra del Lazio la prima edizione delle Fanta Olimpiadi. Tutte le formazioni vincenti e i comitati che li hanno accompagnati in questa esperienza hanno ricevuto in regalo un defibrillatore da utilizzare per le proprie operazioni di soccorso e tutela della cittadinanza.